Esame Cute e Capelli *fino al 28/02/2019

La caduta dei capelli nei bambini

La caduta dei capelli nei bambini: perché succede

La caduta dei capelli nei bambini è un fenomeno comune ma di cui si parla poco.

La caduta dei capelli nei bambini può essere un fenomeno fortemente stressante per il bambino e per i suoi genitori. Le cause possono essere diverse, sia di carattere fisico che di carattere psicologico. È fondamentale fare un po’ di chiarezza poiché esistono molte forme di caduta dei capelli in età infantile:

  • Forme a carattere genetico definite ipotricosi isolate evidenti sin dalla nascita o nei primissimi mesi di vita. Queste coinvolgono spesso anche la pelle e i peli come ciglia e sopracciglia. Sono forme molto rare, alcune delle quali associate ad anomalie dello sviluppo. In alcune di esse i capelli non si sviluppano affatto, tanto da poter essere considerate una vera e propria alopecia.
  • Forme di perdita di capelli chiamate alopecie congenite localizzate o a chiazze. In linea di massima sono forme che coinvolgono esclusivamente il cuoio capelluto come l’alopecia occipitale neonatale. In passato si credeva che fosse causata dallo sfregamento della testa del neonato sul cuscino. In realtà è dovuta ad un fisiologico e sincrono ricambio dei capelli, che iniziano successivamente a crescere in maniera regolare e indipendente senza provocare alopecia.
  • Forme di piccole aree alopeciche di tipo traumatico. Di solito a carattere passeggero e dovute per esempio all’estrazione del neonato con il forcipe. A questo gruppo appartiene anche la cosiddetta alopecia triangolare temporale: una piccola area di forma triangolare in cui mancano i capelli  e che si evidenzia quando i capelli crescono in maniera definitiva intorno ai due anni.

La caduta dei capelli nei bambini

  • Forme di mancanza di capelli associata a nevi, evidenti sin dalla nascita e generalmente localizzate. In questo gruppo vengono inserite anche alcune forme di alopecie associate a diverse sindromi e tutta una serie di forme di anomalie del follicolo e della struttura pilare. Alcune fra queste sono molto rare e possono comportare una tale fragilità dei capelli, da impedire la normale crescita.
  • Forme di alopecia che vengono acquisite a distanza di alcuni anni dalla nascita e che possono avere conseguenze di tipo cicatriziale. L’infezione da Tinea capitis (una micosi di cui esistono varie specie) che attacca i capelli e che ha (fra le varie conseguenze) la distruzione dei follicoli.
  • Forme di perdita di capelli a carattere transitorio. A questa seconda categoria appartengono le situazioni come la tricotillomania. Ovvero l’abitudine di strapparsi i capelli (magari non visti dai genitori) e che porta alla formazione di aree più o meno diradate sulla testa del bambino. In genere sono fenomeni transitori, come l’alopecia da stress o alopecia psicogena. Questi fenomeni sono dettati da una situazione stressante e attuati più o meno inconsciamente dal bambino.
  • Lo stress fisico (come febbri alte, interventi chirurgici in anestesia, incidenti traumatici o farmaci) possono causare un rapido passaggio dei capelli in crescita alla fase terminale. Questo a sua volta comporta una abbondante caduta dei capelli. Un fenomeno che può perdurare da qualche settimana a qualche mese, ma che in genere si risolve spontaneamente senza provocare alopecia permanente.

    Caduta dei capelli nei bambini: tutte le cause
  • Stress psicologici forti, come la nascita di un fratellino o il lutto per una persona cara, in bambini e adolescenti predisposti possono provocare la caduta dei capelli. Può essere più o meno abbondante lasciando una o più chiazze tondeggianti completamente glabre sul cuoio capelluto. Questo fenomeno si chiama alopecia areata. Si manifesta in queste modalità e nei casi più gravi può provocare la perdita completa di tutti i capelli nel giro di pochi giorni.
  • Una scorretta alimentazione può causare la caduta dei capelli. La nutrizione nei bambini è fondamentale per la corretta crescita dell’organismo e il benessere dei capelli. La carenza di proteine, di vitamine e di minerali possono provocare danni non solo al corpo ma soprattutto ai capelli. Questi, privi di nutrimento possono indebolirsi e cadere prematuramente. Un’ alimentazione varia e corretta è il miglior modo per avere capelli sani sin da bambini.

Cosa fare quando ci si accorge di una caduta dei capelli nei bambini?

Quando nei bambini si verifica una caduta dei capelli anomala, o un diradamento dei capelli. Quando si notano capelli gretti e sfibrati, o ci si accorge di forfora e prurito ci si deve rivolgere immediatamente ad uno specialista. Tutti questi sintomi possono essere campanelli d’allarme di un disagio che interessa il benessere del bambino. Fondamentale è pertanto rintracciarne la causa e agire tempestivamente, prima che il problema di caduta dei capelli possa peggiorare.

Nelle dieci sedi italiane di Istituto Giglio, operatori in tricologia professionisti ed esperti, si occupano quotidianamente del benessere dei capelli di uomini e donne di tutte le età.
Attraverso il G Check-up puoi conoscere quali sono le tre soluzioni che Istituto Giglio offre per combattere la caduta dei capelli e la calvizie.

 

Post Correlati