alopecia androgenetica

Alopecia androgenetica – Che cos’è?

Alopecia Androgenetica da StressIl diradamento dei capelli

Il termine medico “Alopecia Androgenetica” (AGA) indica una condizione di diradamento dei capelli pre-determinata a livello genetico e caratterizzata da una progressiva involuzione dei follicoli piliferi e da una miniaturizzazione dei capelli che da essi derivano ad opera degli ormoni androgeni. Nel corso degli anni i follicoli piliferi si rimpiccioliscono e si spingono sempre più verso la superficie cutanea fino poi ad atrofizzarsi: ne deriva che i capelli da essi costituiti, ad ogni ricambio, sono sempre più piccoli, sempre più depigmentati e il loro ciclo vitale è sempre più breve.

Le cause scatenanti

L’Alopecia Androgenetica si instaura di norma in soggetti geneticamente predisposti. È comunque riconosciuta una componente multifattoriale dovuta a differenti situazioni che possono avere un ruolo di concausa nell’instaurarsi del processo di diradamento, come ad esempio patologie della tiroide, diete alimentari drastiche con rapidi e non controllati cali ponderali, forti stress fisici e psicologici, ecc.

Alopecia Androgenetica nell’Uomo e nella Donna

L’Alopecia Androgenetica si manifesta in forme leggermente diverse tra il sesso maschile e quello femminile: nell’uomo si assiste ad un lieve arretramento dell’attaccattura frontale, ad un più accentuato arretramento delle stempiature e ad un progressivo svuotamento dell’area circostante il vertice posteriore; nel tempo le aree convergono finchè il diradamento arriva ad interessare tutta l’area parietale. Nella donna si assiste invece ad un omogeneo diradamento di tutta l’area centrale della testa con l’attaccatura frontale perfettamente conservata.

Vari studi dimostrano che oltre il 60% degli uomini caucasici è affetto da Alopecia Androgenetica con i primi segni che si mostrano già intorno ai 18-20 anni e  una progressione graduale con l’avanzare dell’età, sulla quale peraltro va poi ad instaurarsi un invecchiamento organico fisiologico; è stato tuttavia osservato che  se il diradamento si presenta già intorno ai 14-15 anni, quindi in piena pubertà, la progressione è molto rapida  la calvizie può manifestarsi già intorno ai 30 anni.

E’ stato inoltre osservato che  gli asiatici hanno minori possibilità di andare incontro a calvizie e in genere presentano segnali di  inizio  in tempi più tardi; nei cinesi addirittura l’ incidenza è  bassissima e più avanti in età. Gli uomini di razza nera invece hanno 4 volte in meno la probabilità di perdere i capelli. Pare valga lo stesso per le donne.

Nello specifico tra i due sessi, questa diversa manifestazione  del diradamento ha portato a classificare lo stadio di calvizie in maniera differente: per gli uomini si utilizza la scala di Hamilton-Norwood suddivisa in 12 stadi dove il primo corrisponde ad una situazione pressochè normale e il 12° ad una calvizie conclamata, mentre per le donne si utilizza la scala di Ludwig suddivisa invece in 3 soli stadi.

L’Alopecia Androgenetica è un fenomeno irreversibile ma che può essere drasticamente rallentato, e in taluni casi fortemente contrastato, soprattutto se il diradamento è in una fase ancora iniziale. Proprio per questo l’Istituto Giglio & Co. mette a disposizione il G-check up, un metodo innovativo in grado da dare risposte concrete sullo stato di salute di cute e capelli.